6
Mag

L’incertezza è immanente

Pubblicato mercoledì 6 Maggio 2020 alle 23:48 da Francesco

Mi chiedo se gli inizi di maggio costituiscano il principio di una fine  o la fine di un principio, ma come al solito il compito di rispondere a un simile interrogativo spetta al tempo: è la sua prerogativa cronologica. Provo a immaginare dove mi troverò tra un anno: forse resterò al mio posto, qualunque esso sia, o può darsi che gli eventi mi portino lontano da casa o addirittura fuori dal corpo. Al netto della gravità, mi sento sospeso tra cielo e terra.
Non ho progetti per l’avvenire, non voglio farne e non ne sento la mancanza. L’incertezza regna sovrana ovunque, è immanente a ogni livello, ma si tratta di un dominio che normalmente estende i suoi confini sottotraccia e di cui taluni si avvedono soltanto nei casi d’improvviso parossismo. Non so dove andare a sbattere la testa, ma anche se lo sapessi eviterei di farlo perché non amo le contusioni. La mia libertà è un fanale rotto che posso aggiustare in qualunque momento, ma talora amo esperire il buio e non mi piace ferirlo con la luce. Ogni periodo richiede un determinato equilibrio che io ricerco e adatto con regolarità, ma certe volte questo tipo di manutenzione subisce dei colpevoli ritardi per i quali dai miei recessi s’alzano forti rimostranze, vere e proprie contestazioni dal basso.
Le restrizioni in vigore non hanno intaccato la notte, difatti ella già prima si limitava a recapitare consigli a domicilio, laddove quest’ultimo s’intenda come il sonno. Sono curioso di conoscere la residenza dello spirito, ammesso che esso ne abbia una e non sia apolide. Al momento non ho bisogno di nulla che non possa trovare dentro di me, ma sono conscio di come repentine possano formarsi esigenze inedite e di quanto quelle inveterate possano venire meno con la stessa celerità.

Parole chiave:

Categorie: Parole |