20
Mar

Salvador di Oliver Stone

Pubblicato venerdì 20 Marzo 2020 alle 06:45 da Francesco

Ieri, per trascorrere il primo pomeriggio, ho riguardato Salvador di Oliver Stone, un film di cui serbavo un bel ricordo. Si tratta di una pellicola cruda, in cui mi pare chiara l’accusa verso quelle che al tempo erano le molteplici ingerenze statunitensi nel Sudamerica in virtù della cosiddetta Operazione Condor. Correva l’anno 1986, una vita fa.
Mi piace il protagonista interpretato da James Woods, un giornalista debosciato che ha degli ideali e il cui edonismo si trova a fare i conti con la miseria altrui, ma apprezzo anche il personaggio di completamento da cui è accompagnato, anch’esso un viveur del cui ruolo si occupa James Belushi. Mi pare che le scene violente non siano fini a loro stesse e ricorrano nel giusto numero per conferire un ritmo adeguato al messaggio di denuncia, ma al contempo il film non si esaurisce in quest’ultimo e secondo me gode di un’estetica straordinaria in cui l’impronta di Stone è riconoscibile già dalle prime inquadrature. Perfetto.

Categorie: Immagini, Parole |

22
Feb

Storia e utopia

Pubblicato martedì 22 Febbraio 2011 alle 12:23 da Francesco

Le insurrezioni nordafricane degli ultimi tempi mi fanno pensare ad una versione modificata di quella che fu l’Operazione Condor in America latina. Non sono un dietrologo né un complottista, però ogni tanto certe associazioni d’idee sorgono in me spontaneamente. Trovo buffa la goffaggine di certi politici europei che non riescono ad assumere una posizione ferma contro i dittatori che fanno loro comodo. Forse la colpa di Mahmoud Ahmadinejad è quella di capeggiare l’Iran invece di uno stato del Maghreb o di un’altra nazione nei pressi di quest’ultimo, altrimenti dubito che le voci di condanna al suo operato sarebbero state vibrate come lo sono state in passato; forse persino le minacce ad Israele gli sarebbero state scusate nelle circostanze ipotetiche succitate. Proprio in questi giorni sto leggendo “Storia e utopia” di Emil Cioran. Un libro intenso di quasi centosessanta pagine in cui il saggista rumeno dà visioni particolari della democrazia, del liberalismo, della tirannide e dei suoi interpreti. Lo stile è talmente potente e caustico che quasi sorvolo i contenuti per concentrarmi sulla forma. Condivido soltanto una piccola parte di quanto è scritto in “Storia e utopia”, ma se la discordanza d’idee fosse il prezzo da pagare per leggere opere del genere, allora sarei sempre ben felice di non sposare mai i concetti che mi passano sotto gli occhi. Un’analisi talmente lucida, in cui si fondono tematiche in apparenza molto distanti tra loro, un testo illuminante seppur diverso in modo insanabile dalla mia forma mentis: insomma, raramente mi è capitato d’immergermi in un’alchimia così riuscita.

Categorie: Parole |