30
Nov

Un titolo che non può esservi

Pubblicato martedì 30 Novembre 2021 alle 14:18 da Francesco

Non so come taluni intendano esercitare i propri diritti giacché la muscolatura del loro senso critico mostra i chiari segni di una grave atrofia, ma il mio interesse per la questione non supera la soglia della domanda retorica. Non ho mai misurato l’ombra della verità, però suppongo che superi in grandezza le convinzioni di quanti pensino a ogni piè sospinto di saperla più lunga degli altri. Io stesso detengo una quota di giudizi erronei, veri e propri clandestini sul territorio neurale, ma non è facile controllare i documenti di ogni singola opinione né semplice risulta il suo eventuale rimpatrio tra i confini dello sbaglio natale.
Secondo me la perfetta nemesi dell’originalità risiede nella sua ostinata ricerca, perciò in alcuni casi l’istinto di gregge si dimostra più autentico e verosimile di un’autonoma idiozia, ma il vaglio di simili idee pertiene alle rispettive introspezioni che talora non sono all’altezza dello scranno su cui vengono poste.
Un certo grado della cosiddetta realtà, in particolare il suo epifenomeno sociale, viene forgiato dalle fuorvianti interazioni dei compartecipi, quindi in tutto questo non scorgo una deformazione propriamente detta, bensì uno sviluppo spontaneo che può essere paragonabile a quello di una malattia autoimmune. La singola cellula non può pretendere di condizionare l’intero organismo a meno che non ne guadagni l’egemonia in accordo con altre sue pari in misura sufficiente.
A mio avviso (come se davvero potessi reclamarne l’intera proprietà) quanto sfugga al senso critico non si fa mai latitante, ma è latente e liberamente esigibile all’occhio che sappia coglierlo. Le discrepanze del quadro generale rimandano sovente all’incapacità di ordinare in maniera approssimativa dei pezzi che per loro stessa natura non si possono incastrare a vicenda, ma è nella comprensione della comprensibile mancanza di omogeneità che si annida un senso apparente a cui non può esserne attribuito uno ultimo, o almeno così io ipotizzo e nel farlo già prendo le debite distanze da quanto ne consegue.
L’intera faccenda, qualunque essa sia, si dimostra capziosa e implica grandi rotture di coglioni, ma può darsi che un domani un’umanità più evoluta, o “semplicemente” diversa, si ritrovi a formulare cotali dinamiche in termini per i quali al momento anche l’immaginazione più vivida si vede preclusa ogni tipo di accenno o ipotesi. Ai posteri i cazzi loro.

Categorie: Parole |

29
Nov

Maratona di Firenze 2021

Pubblicato lunedì 29 Novembre 2021 alle 13:46 da Francesco

Il grande maratoneta Toshihiko Seko una volta disse: “The marathon is my only girlfriend”. E, mutatis mutandis, anch’io dubito che sia in grado di soffrire altrettanto per un essere senziente. Non tutte le ciambelle escono col buco né tutti i colpi di stato finiscono con la presa del potere (ne sa qualcosa uno dei figli della Thatcher).
Ieri mattina per saltare in aria non ho scelto un’amena località del Medio Oriente, bensì la culla del Rinascimento. Alla maratona di Firenze sono partito con l’idea d’inseguire il mio primato personale o almeno di correre appena sotto le due ore e quaranta minuti come due settimane fa a Ravenna. Passaggio ai diecimila metri in 36:48, alla mezza maratona in 1:18:21 e ai trenta chilometri in 1:52:25, ma da trentunesimo in poi ho iniziato ad avvertire i prodromi dell’ipoglicemia e il calo è stato esponenziale. Dulcis in fundo, a centocinquanta metri dall’arrivo ho sentito un principio di crampo al quadricipite femorale sinistro, perciò ho tagliato il traguardo camminando, ma ho chiuso in un onesto 2:53:02, la trentanovesima volta su trentanove sotto le tre ore.
L’ossimoro giusto è quello di “buon fallimento”, infatti quel tempo con il tracollo finale indica comunque che sto bene. Ho esagerato un po’ nelle ultime tre settimane e il corpo me lo ha fatto notare, però amo la corsa proprio per questa sua perentorietà. Può darsi che a livello muscolare abbia risentito del trail della scorsa settimana, invece la défaillance ipoglicemica la imputo all’inappetenza dei giorni precedenti. Al prossimo giro… giropizza.

Categorie: Correre, Parole |

24
Nov

Outrage, la triologia

Pubblicato mercoledì 24 Novembre 2021 alle 19:39 da Francesco

In questi giorni ho visto per la prima volta Outrage, Beyond Outrage e Outrage Coda, una trilogia in cui il grande Takeshi “Beat” Kitano ha rivestito il duplice ruolo di regista e attore, come già era accaduto per altre sue pellicole che in passato ho apprezzato molto: Violent Cop, Sonatine, Hana-bi, L’estate di Kikujiro e Brother.
Il trittico in esame costituisce un ritorno di Kitano al cosiddetto genere gangster movie e ancora una volta racconta l’efferato mondo della yakuza, la mafia giapponese.
La storia è piuttosto articolata in quanto vi sono nomi e cariche che si succedono in accordo con la ridda di omicidi, macchinazioni e vendette prima e dopo ogni nuovo assetto di potere. Nel continuo cambiamento delle dinamiche credo che l’unica costante rimanga la figura di Otomo, interpretato dallo stesso Kitano, difatti questo personaggio sembra ancorarsi presto a un suo codice personale, già dal primo film, e finisce per farlo prevalere su ogni altro tipo d’interesse. Per me non sono tanto le crude vicende a formare la sostanza dell’opera, ma paradossalmente trovo che quest’ultima prenda corpo nella sua forma e quindi nella particolare estetica con cui lo stile del regista nipponico si rende subito riconoscibile. In altre parole l’impronta di Kitano dietro la macchina da presa risulta evidente per chi come me ne abbia già apprezzato i lavori precedenti e il suo marchio rifulge tanto nelle scene più efferate, quali le sparatorie e i momenti di puro sadismo, quanto nella delicatezza di certe inquadrature larghe che come di consueto vanno a cogliere anche il mare, un elemento imprescindibile per lui come egli stesso ha dichiarato più volte nelle interviste. E poi c’è la mimica del Kitano attore, dai sorrisi improvvisi alle smorfie durante gli spari; un volto, il suo, al contempo freddo ed espressivo, così come la gestualità che conferisce al protagonista un ulteriore carisma e di conseguenza un contributo importante al tenore della trilogia.
In questo tipo di cinema non ricerco significati profondi, bensì un intrattenimento che non sia fine a se stesso e quindi una forma capace di superare se stessa proprio come a mio giudizio avviene in modo piuttosto omogeneo in ognuna di queste tre pellicole.

Categorie: Parole |

21
Nov

Settima edizione dell’Argentario Trail: vittoria

Pubblicato domenica 21 Novembre 2021 alle 19:24 da Francesco

Per correre preferisco l’asfalto con buona pace di Greta Thunberg, ma quest’oggi ho deciso di cimentarmi su un terreno e un dislivello che frequento assai di radio. Una bella giornata di sole, tante facce conosciute, un clima disteso e un’ottima organizzazione.
Insomma, mi sono relazionato ancora una volta con quelle che il signor Kant soleva chiamare forme pure a priori della sensibilità, ossia lo spazio e il tempo.
Stamane ho partecipato al trail dell’Argentario e sono riuscito a vincerlo, ma ho rischiato di mancare la partenza giacché un’immensa cacata mi ha trattenuto a lungo sul più salvifico dei troni in ceramica. Tutto trafelato e col cirro negletto (as usual) alla fine ho preso il mio pettorale e mi sono unito ai circa trecento partenti.
La mia è stata una gara tattica e all’inizio ho lasciato ad altri l’onere di dettare il passo. A un certo punto sono arretrato in terza posizione e su uno degli stretti sentieri in discesa ho rischiato una brutta caduta, ma ho avuto la prontezza di spingere ambo le mani contro un albero del limitare e così ho recuperato l’equilibrio senza arrestare la corsa: in quel momento mi sono sentito un po’ come Ed Warner in Holly & Benji, quand’egli spingeva con le gambe contro un palo della porta e si dava lo slancio per raggiungere il pallone dalla parte opposta. Grande squadra la Muppet.
Se non vado errato il sorpasso decisivo l’ho eseguito attorno al sedicesimo chilometro e poi ho effettuato un ulteriore allungo che mi ha consentito di arrivare in prossimità del traguardo con un buon vantaggio. Sono stati ventidue chilometri molto duri ma altrettanto belli. Non mi abituo mai agli scorci dell’Argentario.
Non conoscevo benissimo il tracciato. Ne ricordavo alcune strade perché in passato ci ho corso e su altre in plurime occasioni mi ci ha portato come passeggero un amico a bordo de “La Trattora”, la sua vecchia e gloriosa moto sulla quale mi sono sempre sentito al sicuro anche sulle strade più dissestate. Questo successo lo dedico a tal Draghetto, perché oltre a essere una gran persona e un grande atleta si è speso tanto per la pulizia del percorso e la buona riuscita dell’evento. La stupenda foto è di Marco Solari (www.marcosolari.it).

Categorie: Correre, Parole |

15
Nov

Maratona di Ravenna 2021, un’ottima prestazione

Pubblicato lunedì 15 Novembre 2021 alle 13:49 da Francesco

Ieri mattina sono stato accolto dalle brume romagnole per correre la maratona di Ravenna. Prima della gara ho incontrato qualche podista di mia conoscenza e ho stretto amicizia con un ragazzo al debutto sulla distanza regina a cui ho fatto un sincero augurio e con il quale ho scambiato un reciproco incitamento quando ci siamo rivisti sul percorso mentre transitavamo in direzioni opposte: spero che il suo esordio sia andato bene!
Dopo il rito dei bagni chimici, il quale come sempre sottende l’attesa della liberazione vescicale, ho raggiunto la griglia di partenza con l’idea di aggredire il mio record personale, perciò ho osato fin dall’inizio con un’andatura media che ha oscillato tra i 3’39” e i 3’40” al chilometro.
I primi undicimila metri sono stati un po’ ostici a causa dei plurimi cambi di direzione e della pavimentazione cittadina, ma una volta fuori Ravenna il vento si è dimostrato abbastanza clemente, difatti per me proprio quest’ultimo costituiva la variabile più importante. Ho corso quasi tutta la gara in solitaria e poco prima del ventunesimo chilometro ho superato la seconda donna, una top runner rumena che ha poi chiuso in 2 ore e 43 minuti, molto distaccata dalla vincitrice keniana che invece ha tagliato il traguardo in 2 ore e 29 minuti.
Il mio passaggio ai dieci chilometri è stato di 37 minuti netti, quello alla mezza di 1 ora, 18 minuti e 9 secondi e ho raggiunto il trentesimo chilometro in 1 ora e 51 minuti.
Dal trentacinquesimo chilometro in poi non sono più riuscito a mantenere il passo sotto i 3’50” e ho così visto sfumare il mio record personale, ma sono riuscito comunque a correre per la terza volta sotto il muro psicologico delle 2 ore e 40 minuti, esattamente 2 ore, 39 minuti e 47 secondi: decimo assoluto, terzo di categoria e quinto italiano su oltre un migliaio di partecipanti.
Malgrado il calo nel finale sono rimasto molto soddisfatto della mia prestazione, mi è piaciuto il modo in cui ho corso e la costanza con cui ho mantenuto una buona meccanica per quasi tutta la gara. È stata la mia trentottesima maratona su trentotto sotto le tre ore, la ventiseiesima sotto le 2 ore e 50 minuti, la sedicesima sotto le 2 ore e 45 minuti e, come già scritto, la terza sotto le 2 ore e 40 minuti.
Sono contento anche come allenatore di me stesso perché finalmente ho trovato la quadratura del cerchio e un giusto equilibrio tra volume e intensità. Devo lavorare un po’ sulla velocità di punta e intendo farlo con ripetute lunghe.

Qui la traccia Strava: https://www.strava.com/activities/6256574097
Qui la classifica: https://tds.sport/it/race/12024

Categorie: Correre, Parole |

6
Nov

Una questione di metodo

Pubblicato sabato 6 Novembre 2021 alle 13:33 da Francesco

Sfogliando il calendario mi sono accorto che il Kali Yuga non è ancora finito, perciò continuo a interiorizzarne le dinamiche con il dovuto distacco. Ogni giorno dura circa ventiquattr’ore, ma le ingiustizie che ospita nel proprio arco di tempo sono molte di più, altrettanto convenzionali e assai istruttive sull’indole umana.
Ho in orrore la mia specie e i suoi sviluppi ancora acerbi rispetto ai tempi del cosmo, ma non conosco un esopianeta che sia raggiungibile a bordo di un barcone e quindi non ho i mezzi per emigrare da clandestino ad anni luce di distanza dalla Terra.
Non credo che l’epoca attuale sia peggiore delle precedenti sotto tutti gli aspetti, difatti oggi in molti hanno vantaggi e relative sicurezze su cui le genti del passato non potevano contare, ma nell’assetto sociale sussistono angoli refrattari a ogni smussamento e così, in ragione di questa strenua salvaguardia del peggio, l’efferatezza degli esseri umani trova ancora ampio spazio di manovra. Mi riferisco in particolare alle leggi e alle loro interpretazioni, agli abusi di potere, a tutte quelle forme di sopraffazione che sono corrette nella forma ma classiste e vessatorie nella sostanza. Le parole contano meno di loro stesse e delle intenzioni che esprimono.
La democrazia e il cosiddetto stato di diritto offrono una rassicurazione apparente, ma non garantiscono nulla così come un incoraggiamento e una parola di conforto non possono curare una malattia terminale. Non sono in grado di dire se le cose stiano davvero così benché la tentazione assertiva sia forte, ma lo penso, ne sono convinto nel profondo del mio intimo e cerco di partecipare il meno possibile alla pazzia organizzata nella quale mi ritrovo.
Non ambisco a riflettere sui destini ultimi della specie né a pontificare sul bene e sul male, bensì mi limito a valutare i miei moti interiori e le mie estroversioni per cercare di capire la mia realtà, l’unica che reputo accessibile. Non sono nuovo al solipsismo né voglio diventarne estraneo, infatti trovo che sia il mio ambiente naturale, l’umile fucina in cui giocare all’alchimista. E il resto? Il resto va avanti lo stesso.

Categorie: Parole |