30
Giu

Corpus hermeticum e Pentirsi di essere madri

Inviato venerdì 30 Giugno 2017 alle 00:51 da Francesco

Dopo la lettura de Il Kybalion mi ero ripromesso di andare a ritroso nella letteratura ermetica, perciò ho scelto di recuperare il Corpus hermeticum di Ermete Trismegisto, o meglio, dei vari autori che in tempi diversi hanno partecipato a questa silloge.
Non è stata una lettura sorprendente poiché dei molteplici concetti ivi presenti avevo già recepito gli echi negli scritti di Jung e in altre opere dal tenore vagamente esoterico.
Di questo testo sapienzale ho vergato a mano solo uno sparuto numero di appunti sul mio pregiato quaderno, perciò ne allego qui ancor meno e di più sintetici a mio uso e consumo.
Primo: l’uomo terreno è un dio mortale, il dio celeste è un uomo immortale. Il possesso del Logos può consentire a certi uomini di subire il destino in modo diverso rispetto ad altri: su questo punto, con un salto d’oltre mille anni, mi vengono in mente delle analogie con l’amor fati di Nietzsche. Nei vari trattati v’è poi la presenza a più riprese di una cosmologia emanatistica che rimanda al neoplatonismo (o viceversa? Misteri della datazione).
“La verità rivelata non può essere divulgata senza che venga automaticamente screditata e calunniata”: non ricordo se abbia sintetizzato questo concetto o se sia proprio un virgolettato, ma si tratta di un monito ricorrente e spesso sotteso a più insegnamenti.
Infine: la preminenza del Nous nel contatto divino e quindi la superiorità dell’intelletto sull’anima la quale, invece, svolge un ruolo di intermediaria ed è suscettibile alle passioni poiché si ritrova circondata dal corpo.

Il libro di Orna Donath è un saggio di sociologia su un tabù che forse è più sentito nella società israeliana (sulla quale è imperniato l’approccio) che in quella italiana, ossia il pentimento di alcune donne per le loro maternità.
Non si tratta di un’analisi viziata da un femminismo fuori tempo massimo benché a mio parere un po’ ve ne sia (cum grano salis).
Il rimpianto materno non si traduce necessariamente in un desiderio infanticida e anzi, a volte presta il fianco al paradosso per cui certe madri amano i propri figli ma al contempo vorrebbero che essi non fossero mai venuti al mondo. Mi sembra del tutto demenziale l’idea che ogni donna sia più o meno predisposta al ruolo di madre e abbia addirittura in sé questa vocazione, perciò non mi sorprende che vada per la maggiore in certe tradizioni millenarie.
Cosa non si fa per la specie.
Indagare le ragioni prime di alcuni concepimenti è un po’ come mettere il dito nella piaga mentre l’altra mano scoperchia il vaso di Pandora, ma d’altro canto l’ammissione di un errore tanto grave è difficile.
Le madri che si sono prestate allo studio (sotto una falsa identità) appartengono a fasce d’età e contesti diversi, a riprova di come talora la ritrosia (quando non la repulsione) per tale figura non sia una questione squisitamente economica, lavorativa o affettiva.
Tra le molteplici testimonianze ve ne sono alcune piuttosto caustiche che mi hanno persino fatto ridere di gusto.
Io stesso ho chiesto conto alla mia genitrice di un suo eventuale pentimento per la mia procreazione e lei ha risposto negativamente, ma chissà se altrettanto sinceramente.
Non avrei appreso a malincuore il possibile rimpianto di mia madre per la mia nascita, difatti sono un cultore dell’aseità e credo che il vero banco di prova dei rapporti umani si svolga nel regno dei legami non consanguinei (o laddove la consanguineità risulti ignota), ma questo è un altro discorso.

Categorie: Letture, Parole |

22
Giu

La mia prima vittoria assoluta

Inviato giovedì 22 Giugno 2017 alle 01:18 da Francesco

Lo scorso sabato in quel di San Casciano Dei Bagni ho vinto in 1h09’22” la prima edizione di un piccolo e incantevole trail da 15,5 chilometri, ovvero il Trail2Valli. Alla partenza ho cercato qualcuno che mi aiutasse a dettare il ritmo, ma ho valutato le andature altrui troppo caute e così mi sono portato subito alla testa della gara con un passo piuttosto forte per le mie possibilità.
Non avevo il GPS e ho impostato l’andatura in base alle mie sensazioni, ma d’altro canto su gare del genere il ritmo viene continuamente spezzato dai frequenti saliscendi e almeno per me in tali contesti l’orologio può essere più un freno psicologico che un aiuto. Ho voltato più volte la testa per controllare eventuali inseguitori, il classico errore di Orfeo con Euridice.
Fino a cinquecento metri dal traguardo ho pensato che avessi maturato un vantaggio considerevole, ma poco dopo ho visto spuntare dietro di me  il secondo e ho interpretato la sua apparizione alla stregua di un attacco, perciò ho accennato la volata finale per stare tranquillo e il cambio di passo mi è riuscito piuttosto bene.
Tra i cinquantaquattro presenti mancavano i top runner, ma per ogni gara vale sempre la solita regola: chi c’è, c’è. Non mi è piaciuto l’inedito ruolo di battistrada, troppo stressante, ma di sicuro mi ha aiutato a spingere al massimo e infatti ho avvertito gli effetti dell’acido lattico per due giorni di seguito come non mi accadeva da tempo.
Ho partecipato a questo trail per fare un test con cui valutare il mio stato di forma, difatti sulla scorta di nuove convinzioni ho cambiato  il mio allenamento negli ultimi quarantacinque giorni e ho privilegiato maggiormente il fondo lento. Oltre a quest’ultimo test agonistico ne avevo fatto un altro su uno dei miei percorsi di riferimento e già là mi ero reso conto dei progressi.


Non conosco l’autore della foto.
Categorie: Correre, Immagini, Parole |

11
Giu

A spron battente

Inviato domenica 11 Giugno 2017 alle 02:05 da Francesco

In quarantuno giorni ho macinato all’incirca 530 chilometri e nell’ultima settimana ho cominciato a raccogliere i frutti dei miei sforzi. Venerdì ho ottenuto un record personale in allenamento riuscendo a completare il giro della laguna di levante (18,6 chilometri) con una velocità media di 3’49” al chilometro: ho tolto un minuto e sedici secondi al mio primato precedente che risaliva a ottobre dello scorso anno. Mi sento in grande forma e aspetto l’autunno per mettermi alla prova sulla distanza regina, ma ho anche intenzione di partecipare a qualche gara breve durante l’estate. Quest’inverno non ho corso molto nonostante sia riuscito comunque a chiudere la maratona di Ferrara sotto le tre ore: la voglia era poca e ero disturbato da forze contrarie di cui ho già dato conto su queste mie pagine virtuali. Adesso le carte in tavola sono cambiate.
In me si è riacceso un fuoco sacro e voglio custodirne le fiamme come se fossero mie figlie, perciò intendo proseguire sulla (lunga) strada che ho fatto finora. Ho ritrovato dentro di me qualcosa che avevo perso di vista col terzo occhio. Può darsi che in futuro io incorra in nuove incertezze, ma sono anche consapevole di come ogni volta la durata della loro efficacia si riduca sempre di più.   
Insguirò certi obiettivi agonistici, tuttavia anche se non dovessi riuscire nelle mie imprese potrò comunque considerarmi soddisfatto. In quanto dilettante sono contento dei risultati che ho raccolto fino a oggi e quindi posso instillare nelle mie ambizioni una certa tranquillità mentale: non c’è circostanza migliore per me! Mentirei se negassi come all’inizio della mia avventura agonistica io avvertissi la necessità di dimostrare a me stesso la capacità di realizzare certi tempi, ma ora che questi sono già miei la spinta verso nuovi orizzonti non può che provenire da un’altra fonte e io sito questa nella mia voglia di divertirmi sull’asfalto.

Categorie: Correre, Immagini, Parole |

6
Giu

Un altro genetliaco

Inviato martedì 6 Giugno 2017 alle 23:45 da Francesco

Adesso ho l’età di Cristo quando fu messo in croce, ma io non ambisco a riscattare l’uomo dai suoi peccati, infatti mi basta seguir virtute e canoscenza.
Ho festeggiato il mio compleanno con un intenso allenamento di diciannove chilometri e per cena mi sono preparato dei maccheroni di kamut con pomodoro e pezzi di branzino, inoltre ho invitato Jon Anderson a cantare tramite il mio giradischi tutto il suo “In The City Of Angels”.
Vivo in un’epoca di cambiamenti, come d’altro canto lo sono tutte e la condanna del presente è di essere sempre un’era premoderna rispetto a quella che verrà. Non me ne frega niente della mia età anagrafica e ammetto come il trascorrere del tempo mi faccia sentire sempre meno il peso di certe dinamiche, però con altrettanta sincerità non nascondo come talora il futuro sia per me fonte di piccoli timori a cui forse concedo più importanza di quanta in effetti abbiano.
Alla mia età Alessandro Magno concluse la sua esistenza in quel di Babilonia e consegnò alla storia le sue grandi imprese, io invece non ho raggiunto dei traguardi che siano degni di nota e dunque mi accontento di respingere le molteplici istanze di cui l’impero dei sensi si fa latore.
Assisto in differita allo scontro di civiltà che a giorni alterni avviene con assalti all’arma bianca o per mezzo di ordigni rudimentali, tuttavia il vero interesse che io nutro verso questi fatti è nell’implicito monito sulla precarietà dell’esistenza di cui sono indefessi diffusori.

Categorie: Parole |

1
Giu

Al sesto mese dell’anno corrente

Inviato giovedì 1 Giugno 2017 alle 02:58 da Francesco

Nel mese di maggio ho corso 429 chilometri e ieri pomeriggio ho macinato gli ultimi venticinque, di cui dodici e mezzo in salita e altrettanti in discesa. Mi sento in forma e oltre a un’ottima condizione fisica verso anche in un ottimo stato mentale. È come se con la corsa mi fossi messo alle spalle per l’ennesima volta certi tumulti interiori, ma credo che anche la definitiva rottura di sciocche attese abbia favorito il mio affrancamento da una stasi inconcludente e ingiustificata.
Non ho tempo di aspettare qualcuno e anche se l’avessi non lo farei. Ognuno procede al proprio passo e si dirige dove vuole o laddove le circostanze abbiano deciso di trascinarlo, però nei deserti non ci sono soltanto carovane e talora le dune diventano le sabbiose testimoni di viaggiatori solitari. Per me è fondamentale l’accettazione del vuoto di cui la mia realtà è permeata e non devo mai darla per scontata, sennò rischio che qualche spiacevole monito me la rammenti con dei grossi dispendi di energie e tempo. Mi sento davvero me stesso allorquando il mio corpo e la mia mente mi trasmettano segnali di una ritrovata centratura nell’esistenza di cui sono artefice: quello attuale è uno di quei momenti. È incredibile di quali ribaltamenti sia capace la macchina umana, sia in un senso che in quello diametralmente opposto. Ammiro chiunque abbia contezza del proprio potenziale e sia in grado di asservirlo alla causa suprema, ossia la sua. Non pretendo una piena indipendenza dagli eventi, ma voglio arginare sempre di più l’influenza che esercitano su di me.
Mi dedico le parole più sentite e spontanee di cui anche questa notte si fa corvina suggeritrice: non mi serve altro per il momento. Ci sono spazi interiori che mi sono ignoti, paradisi inesplorati che mi porto dentro e di cui forse non sospetto manco l’esistenza, ma non mi limito a ipotizzarne la realtà come in un accesso di vacuo ottimismo e devo invece votarmi alla loro ricerca senza subire troppe distrazioni dalle innumerevoli inezie di cui ogni giornata è prodiga.
Sono di nuovo in una situazione tanto vantaggiosa quanto inaspettata per proseguire su certe linee evolutive, perciò non devo perdere quest’occasione. Nelle circostanze avverse temo sempre che mi occorra più tempo del necessario per superarle, ma tale sopravvalutazione è dettata spesso da un mio eccesso di prudenza.

Categorie: Parole |