31
Lug

Arance e stilemi

Inviato lunedì 31 Luglio 2006 alle 20:24 da Francesco

Di solito non uso il bicchiere per bere, ma stasera ho deciso di utilizzarlo per godermi con calma la mia spremuta biologica di arance rosse. Oggi non ho fatto granché: ho ascoltato musica per buona parte del giorno, sono andato a fare la spesa, ho fatto qualche esercizio fisico e ho letto un po’ di cose sul web. In questo momento il suono di “Chello Ca Veco” dei Co’sang avvolge la mia stanza. Credo che non ci sia nulla che possa turbarmi in questo ultimo giorno di luglio. Questi sono i miei glory days e devo fare in modo che non si concludano prima della mia fine. Ho la capacità di restare in equilibrio senza subire l’azione corrosiva delle pressioni esistenziali e per questo motivo mi sento molto fortunato. Non pretendo di capire gli altri e non pretendo che gli altri mi comprendano; mi basta un’intesa di gesti e di sguardi per coordinarmi con i miei simili. Spesso le parole sono superflue e talvolta sono addirittura pregiudizievoli. Ho ancora molto tempo a disposizione e posso fare quello che voglio, ma nulla mi impone di fare qualcosa. Non ho sensi di colpa per la mia inerzia, non mi sento a disagio nel mio ruolo di nullafacente e non risparmio mai una risata nei confronti di chi mi sollazza con le proprie paternali patetiche e retoriche. Resto calmo mentre tanti altri si agitano e non mi lascio ingannare dalle tentazioni che possono alterare la mia percezione della realtà. Ci sarà sempre un pusher disposto a vendermi dei narcotici e ci sarà sempre un prete disposto a evangelizzarmi, ma in entrambi i casi io sarò sempre pronto a declinare il loro invito ad abbandonare la lucidità.

Categorie: Intimità, Parole |

31
Lug

L’ONU condanna Israele

Inviato lunedì 31 Luglio 2006 alle 00:15 da Francesco

Kofi Annan ha chiesto una condanna durissima per la strage di Cana. Tra una sega e un Estathé ho provato a immaginare i provvedimenti che le Nazioni Uniti prenderanno nei confronti dei bombaroli israeliani capeggiati da Ehud Olmert.

Categorie: Immagini, Parole |

30
Lug

Tengo in ostaggio Teddy Bear

Inviato domenica 30 Luglio 2006 alle 15:55 da Francesco
Non penso che la mia idiozia abbia bisogno di commenti.
Categorie: Immagini |

30
Lug

L’ultimo giorno di scuola

Inviato domenica 30 Luglio 2006 alle 14:11 da Francesco

Ieri notte “Fuori Orario” ha trasmesso “Elephant”, un film del 2003 che ripercorre con riprese asettiche la strage del liceo di Columbine. Durante la mattina del 20 aprile del 1999 due ragazzi statunitensi sono entrati nella loro scuola con delle armi e dell’esplosivo: hanno ucciso dodici persone, ne hanno ferite più di venti e prima di suicidarsi hanno sparato contro la polizia. Mi hanno esaltato le scene nelle quali avviene la ricostruzione dei due ragazzi armati che camminano per i corridoi del loro liceo e fanno fuoco contro gli studenti e i docenti che fino a qualche ora prima erano i loro compagni e i loro insegnanti. Mi rendo perfettamente conto di come il disagio e la frustrazione possano portare a gesti efferati come questo. Durante i primi anni delle superiori anch’io ho covato un forte rancore nei confronti del sistema scolastico e ho immaginato più volte di entrare in classe e gambizzare qualche professore arrogante. Non avrei mai avuto le palle per farlo veramente e ne sono contento, ma credo che il solo pensiero di un atto simile sia già molto aberrante. Ultimamente è uscito un gioco di ruolo gratuito sulla strage di Columbine e ovviamente non sono mancate le critiche. Quella qua sotto è una famosa immagine ricavata da una telecamera a circuito chiuso che mostra i due autori della strage.

La mensa del liceo di Columbine

Categorie: Parole |

30
Lug

L’insulto dell’indulto

Inviato domenica 30 Luglio 2006 alle 00:42 da Francesco

L’indulto è legge. Vorrei vedere tutte quelle facce di culo che durante le ultime elezioni mi hanno rotto i coglioni con la propaganda a favore del centrosinistra. Questo governo formato dai compagni di merende dovrebbe essere l’alternativa a Berlusconi? Dodicimila persone non sconteranno la propria pena e saranno di nuovo in grado di reiterare i propri reati. Ricordo che l’abbandono della lira portò l’euroconvertitore nelle case degli italiani e mi chiedo se ora l’abbandono delle carceri da parte di dodicimila deteunti possa portare un AK-47 tra le braccia di ogni padre di famiglia. L’indulto è un insulto nei confronti dei contribuenti onesti e delle persone che vivono prevalentemente nella legalità. Sputerò in faccia al prossimo radical-chic di merda che mi parlerà di centrosinistra e di welfare state. Voglio vedere l’elettorato del centrosinistra in piazza contro i suoi beniamini. Possibile che in pochi alzino la voce contro l’ennesimo atto di collusione? Sì è possibile solo a Topolinia e in un paese come l’Italia devastato da un retaggio mafioso che pare indelebile. Una mano lava l’altra, per fortuna che nessuna delle due può lavare la coscienza. A proposito di coscienze sporche: il Vaticano si è felicitato per l’approvazione di questo abominio. A me non importa molto di ciò che accade in questa terra di nessuno, ma mi avvalgo di questi eventi per deridere e scoreggiare con veemenza contro le facce di culo che sovente mi bombardano i coglioni con la loro propaganda del cazzo. Sono un qualunquista con la cu maiuscola e sono felice di defecare sui valori fantozziani che impregnano la politica italiana. In questo post ho ripreso volutamente le parole di qualche giorno fa perché sono ancora un po’ attonito e divertito dal cabaret bicamerale.

Categorie: Parole |

29
Lug

Mobb Deep – Shook Ones Part II

Inviato sabato 29 Luglio 2006 alle 22:28 da Francesco

“Shook Ones Part II” è un classico e mi sembra il modo migliore per concludere questa giornata dedicata all’hip hop. Mi piace moltissimo la strofa di Prodigy e ogni volta che l’ascolto mi esalto all’inverosimile. “They come around but they never come close to”. C’è poco da dire sui Mobb Deep. I miei tweeter spesso pompano due dei loro album: “The Infamous” e “Hell On Earth”. Devo ancora ascoltare “Blood Money”, l’ultimo lavoro di questo leggendario duo proveniente dal Queens di New York. Le atmosfere che creano sono uniche, nonostante i numerosi tentativi di imitazione.

Categorie: Musica, Video |

29
Lug

Tandem – 93 Hardcore

Inviato sabato 29 Luglio 2006 alle 16:49 da Francesco

Penso che “C’est Toujours Pour Ceux Qui Savent” dei Tandem sia uno dei migliori album tra quelli usciti da alcuni anni a questa parte nella scena hip hop francese. È un disco in cui si respira la tensione sociale e il degrado della banlieue parigina così lontano dalla mia realtà. Apprezzo molto le capacità al microfono e alle macchine del duo composto da Mac Tyer e Mac Kregor. I testi purtroppo posso solo intuirli a causa della mia scarsa conoscenza del francese, ma mi accontento dell’ottimo flow dei due e delle basi potenti che accompagnano le loro rime. Questo è il video di “93 Hardcore”, la prima traccia dell’album. Tornerò più volte su questo post per gustarmi ‘sta mina, come già faccio con il video di Medine.

Categorie: Musica, Video |

29
Lug

Juelz Santana – Shottas

Inviato sabato 29 Luglio 2006 alle 00:27 da Francesco

“What The Games Been Missing” è un album di Juelz Santana uscito nel 2005. Il disco ha un suono molto ignorante e il pezzo di questo video ne è un esempio. “Shotta” è una parola di origine giamaicana che può essere tradotta con “gangster”. Juelz Santana è molto tamarro nelle sue strofe, ma trovo che il bridge di Sizzla lo sia di più. It’s Dipset bitch!

“Click clack and it’s over you dead
My damn glock, buss a cap in your head
It’s in my blood I love killin’ you fools
I’m a thug, that goes by no rules”

Categorie: Musica, Video |

28
Lug

Ingenuità made in Orbetello

Inviato venerdì 28 Luglio 2006 alle 15:25 da Francesco

Oggi ho spulciato tra le visite quotidiane del mio blog e ho notato questo indirizzo. Seguendo quel link ho notato che un certo Throat ha scritto un paio di commenti che mi riguardano. Da ora in poi abbrevierò Throat con T. e riporterò le sue parole tra virgolette.

T: “Mi sento disorientato….cioè lui usa quel blog per far cosa?”

Wow, sono riuscito a disorientare Throat! Spero che la Stella Polare o una bussola trovata nell’Happy Meal possa aiutare il nostro simpatico amico a ritrovare l’orientamento. Ah, dimenticavo: uso questo blog per annotare alcuni dei pensieri che trapassano il mio cranio come dei proiettili.

T: “Mamma mia, usa quel blog come un mega diario dove annota ogni suo personalissimo pensiero e questo credo gli faccia bene, ma neanche il più ambizioso degli psicologi vorrebbe visitarlo”

Eh, per fortuna che esistono gli psicologi. Il mondo come potrebbe farne a meno? Sarebbe come rinunciare all’ebola.

T: “Sono sicuro che è diventato una persona molto interessante e nn capisco perchè si ostina a vivere così”

Accidenti, lui è “sicuro” che sono diventato una persona molto interessante! Non ha dubbi, ne è fortemente convinto, ma non riesce a spiegarsi perché vivo “così”. Così come? Ah, probabilmente ha spiato ogni nanosecondo della mia esistenza ed è per questo motivo che mi conosce a menadito e sa come vivo. Appena avrò finito questo post cercherò tutte le microspie e i microfoni con i quali Throat mi ha monitorato.

T: “Nn dico che da un giorno all’altro dovrebbe uscire e fare tutte le esperienze che offre la vita ma almeno iniziare, provare con qualcosa”

Ah, okay. Domani andrò a farmi un tatuaggio sul pube per darmi un tono, poi tornerò casa e inizierò a scaricare gli album dei Dead Kennedys, dei New York Dolls e dei Pennywise. La sera uscirò, imparerò a suonare due note con il basso, formerò l’ennesimo gruppo punk di provincia e poi comprerò degli acidi da calarmi dopo il primo live del mio gruppo in un circolo ARCI. Ovviamente andrò anche a puttane per mostrare tutta la mia virilità! Peccato che non siamo più negli anni ottanta, altrimenti avrei potuto sintetizzare tutto questo con una siringa e un cucchiaino. A real way of life.

T: “Perchè in quella c***o di tana? NN ne uscirà ma lo sai? Mi fa rabbia tutto questo, nn può dire che sta bene. Devo ancora leggere parte dei suoi pensieri xò che suo modo di vivere alternativo è troppo opprimente”

Prego tutti i pederasti e tutte le ragazze isteriche che visitano ‘ste pagine di porre attenzione sulla “rabbia” con cui Throat esprime il suo dissenso nei confronti del mio stile di vita. Accidenti, il suo è davvero un pensiero profondo! Sì, profondo come “Deep Throat”. Probabilmente ‘sto tipo mi vede come un disadattato che non è capace di relazionarsi con gli altri e che sta chiuso in casa dalla mattina alla sera. Spero che nessuno gli dica la verità, potrebbe rimanerne deluso e la sua “rabbia” solidale potrebbe sgonfiarsi come le ultime speranze dei suoi neuroni. Un impegno concreto: save the rage!

T: “Uno di questi giorni appena ho letto tutto gli scriverò anch’io nn perchè voglio mi fa pena ma perchè eravamo amici e mi sembra giusto fargli almeno un saluto”

Dai oh, Throat si deve ripigliare. Non può porsi come uno che sa stare al mondo quando il suo gruppo tenta di imitare i Derozer senza rendersene conto. Lui non è “Vittima della Realtà” come recita in una sua hit, ma è una vittima dell’ignoranza che stupra le menti dello stereotipo di “ragazzo impegnato” che lui rappresenta. C’mon guys, be serious! Chi si stupisce per quello che scrivo probabilmente non sa cosa permea le strade del mondo. Non sono io quello che sta in una tana, ma è qualcun altro che vive segregato nella mediocrità delle sue certezze e nella pochezza dei suoi punti di vista. Di solito replico a ‘sta gente via e-mail o vis-a-vis se ne ho occasione. Sono uno stronzo che prende per il culo l’ingenuità con cui certi occhi leggono quello che scrivo. Ma poi cosa c’è di così interessante tra queste pagine? Voyeurismo! Italians love reality shows.

Categorie: Parole |

28
Lug

A spasso per il web

Inviato venerdì 28 Luglio 2006 alle 03:24 da Francesco

Navigando nel mare di merda del web mi sono imbattuto in alcuni siti, o parti di essi, che ho deciso di annotare su queste pagine. Il primo link mostra alcune opere realizzate da un uomo in grado di disegnare sulla polvere che di tanto in tanto avvolge le automobili. I risultati sono stupefacenti e trovo che sia incredibile l’accuratezza con la quale sono stati realizzati certi disegni polverosi. Il secondo link è più terra terra, ma penso che anch’esso mostri una piccola forma d’arte: si tratta di una guida che illustra i passaggi necessari per creare un’eccellente arma da fuoco con i Tampax. Dalla homepage si possono notare altre creazioni realizzate con gli assorbenti. Sono incappato anche in Dumpster World, ovvero un forum nel quale si ritrovano persone con la passione per la ricerca di oggetti utili in mezzo ai rifiuti. Nelle varie discussioni gli utenti condividono i consigli, i trucchi e i ritrovamenti legati a questo hobby bizzarro e maleodorante. Leggendo alcuni messaggi del forum suddetto mi sono accorto di quanta roba utile si possa trovare tra l’immondizia. Infine annoto http://www.sub-urban.com e http://www.urbanex.kilovolt.co.uk, due siti in correlazione con l’argomento di questo post che ho pubblicato due settimane fa. Il web è in perenne mutamento e probabilmente tra qualche anno, o addirrittura tra qualche mese, questi collegamenti non saranno più funzionanti. Merde, c’est la vie.

Categorie: Parole |