enobosarm
21
Feb

White Marble Marathon e Maratona di San Valentino: 4°e 6°

Pubblicato mercoledì 21 febbraio 2018 alle 22:51 da Francesco

Ho corso due maratone in una settimana. La prima a Marina di Carrara, ossia la seconda edizione della White Marble Marathon. Con un ritmo di 3’49” al chilometro mi sono classificato al quarto posto in 2h41’26” e sono stato il primo bianco caucasico all’arrivo.
Non ho potuto ricevere l’astronomica cifra di settantacinque euro perché non faccio parte di alcuna squadra e la FIDAL, forse ispirata dal codice di Hammurabi, non consente il ritiro dei premi in denaro ai lupi solitari come me, ma forse le cose andrebbero diversamente se mi presentassi alla partenza in qualità di foreign fighter: non conosco le vere ragioni di siffatte regole e immagino che vadano cercate in qualche testo alchemico del Basso Medioevo. Lascio volentieri ai sepolcri imbiancati l’aurum vulgi, tanto io cerco altro che non posso trovare al di fuori di me.
Mi sono iscritto all’evento pochi giorni prima dello stesso e non avevo aspettative così come non ne nutro verso l’esistenza in generale.
Ho assecondato le mie buone sensazioni e sono partito con un ritmo di circa 3’53” al chilometro, passo che ho mantenuto per buona parte della gara con variazioni minime. Ho raggiunto la mezza maratona in 1h22’ e quindi ho corso più velocemente la seconda parte con conseguente negative split, ma è all’altezza del venticinquesimo chilometro che mi sono esaltato, poco dopo l’inizio della salita verso Massa, difatti là ho azzardato un bel cambio di passo e ho staccato un atleta per inseguirne un altro.
La scorsa domenica invece ho varcato i confini umbri per prendere parte alla maratona di San Valentino in quel di Terni, a una settimana esatta da quella di cui ho già dato conto. Sono giunto al traguardo in 2h42’43” (real time) e mi sono classificato al sesto posto, secondo di categoria, riuscendo di nuovo ad aumentare l’andatura nella seconda parte: un altro negative split!
Anche a ottobre corsi due maratone in una settimana (Parma in 2h44’22” e Lucca in 2h45’26”), ma questa volta ho fatto registrare dei tempi migliori su percorsi più difficili, difatti i primi ventiquattro chilometri della maratona di San Valentino sono contraddistinti da continui tratti in salita. Non sono arrivato al traguardo particolarmente provato e due giorni dopo la gara, ovvero ieri, ho corso 27 chilometri a 4’25” di media!
Mi diverto e non pianifico nulla, non ho ossessioni cronometriche, però mi piace analizzare i dati che produco. Se prendessi sul serio l’atletica leggera probabilmente mi cercherei un allenatore, seguirei una certa dieta e soprattutto non mi presenterei alla partenza di due maratone nell’arco di sette giorni, ma io me ne frego e faccio quello che più mi piace.
Con le due gare succitate ho portato a nove le maratone corse negli ultimi cinque mesi e mezzo: la più lenta conclusa in 2h47’22”, la più veloce in 2h39’54”. Niente male per me.

Categorie: Correre, Immagini, Parole

Parole chiave: , , , , , , , , , , , ,

8
Feb

Lo stato attuale

Pubblicato giovedì 8 febbraio 2018 alle 19:46 da Francesco

Converto ogni giornata in autostima così come le stelle fondono l’idrogeno in elio e mi espongo a determinate influenze per eludere le forze contrarie della mediocrità, ma prendo atto di tutto questo in virtù di riscontri concreti e non sulla mendace base di uno stolto convincimento.
Avverto dentro di me una grande forza, ne sono pervaso e già ne posso prevedere gli ulteriori accrescimenti: rasento vette a cui non ero mai assurto prima. 
Forse non faccio altro che raccogliere quanto ho seminato in anni di fruttuosa solitudine e intanto semino gli altrui fantasmi perché essi non riescono a tenere il mio passo, infatti si perdono nella scia altrettanto evanescente delle mie progressioni. Posso rovesciare gli eventi che mi riguardano, ma non tutte le tartarughe che si capovolgono lungo la mia strada: ognuno deve imparare a badare a se stesso. Da solo valgo moltissimo, mi sento una legione e al contempo non m’illudo che la mia condizione solipsistica sia la migliore possibile, tuttavia usufruisco dei suoi vantaggi strategici e sostanziali.
A distanza di tempo riesco a dare un senso compiuto al passato e unendone i frammenti posso ricavarne un utile mosaico. Non ho una sola virgola da cambiare in ciò che il fato ha scritto per me finora e spero che anche il mio DNA non abbia mai bisogno di correzione alcuna né di altri aggiustamenti. Il mio equilibrio si è attestato da quasi un anno su una linea avanzata e tutto procede come avevo previsto. Guardo l’orizzonte solo per intimidirlo e invito gli eventi a farsi avanti, ma d’altro canto essi non possono fare altrimenti. Non ho energie da recuperare e ormai posso soltanto espanderle, perciò non temo eventuali contrazioni delle medesime in un futuro che sia prossimo o remoto. Devo fare tesoro della nuova età dell’oro che ho cercato al mio interno, verso zone insondabili. Gli sforzi da me profusi sono stati ripagati lautamente e ne godo i risultati in un pacifico isolamento, dunque non ho pendenze con il divenire e non ho nulla di cui lamentarmi.

Categorie: Parole

Parole chiave: , , ,

1
Feb

Ricordi, sogni, riflessioni di Carl Gustav Jung

Pubblicato giovedì 1 febbraio 2018 alle 23:52 da Francesco

Durante gli ultimi anni ho letto più parti della produzione saggistica di Carl Gustav Jung ed era dunque una mera questione di tempo prima che approdassi alle pagine della sua autobiografia.
In realtà ”Ricordi, sogni, riflessioni” travalica gli angusti confini di una silloge aneddotica e fornisce una parziale sintesi dei concetti di cui il pensiero junghiano è portatore, difatti alcuni di essi emergono dal testo tramite la rievocazione degli eventi che portarono al loro sviluppo.
Sotto l’aspetto nozionistico non vi ho trovato quasi nulla che già non conoscessi, tuttavia si è rivelata comunque una lettura interessante e l’occasione per un utile ripasso, inoltre vi ho respirato la tensione interiore (non mediata da un linguaggio simbolico, come ne “Il libro rosso”) che accompagnò Jung per l’intero corso delle sue ineludibili ricerche.
A questo proposito sono incorso nuovamente in un paragone che già mi rimase impresso quando lo lessi per la prima volta altrove, ossia quello tra Jung e Nietzsche: il primo riuscì a controbilanciare l’impeto della sua vita interiore grazie all’esercizio della sua professione medica e alla presenza della propria famiglia, a differenza del secondo che nella propria vita ebbe soltanto i suoi pensieri e di questi finì per essere l’insana vittima.  
Gli appunti che ho vergato a mano su un mio caro quaderno hanno tirato fuori elementi per me nient’affatto inediti e in particolare i seguenti: l’importanza degli archetipi, il ruolo di anima e animus come mediatori con l’inconscio a seconda del genere sessuale, le posizioni sui sogni e la libido di Jung in contrasto con quelle di Freud, il Sé quale scopo dello sviluppo psichico e il carattere non lineare della sua (possibile) evoluzione, la definizione di psichiatria come una “espressione articolata della reazione biologica di cui lo spirito cosiddetto sano fa esperienza alla vista della malattia mentale”, le forti variabilità di psicoterapia e analisi che sono pari alle variabilità degli individui, l’importanza della storia quale ausilio della psicologia dell’inconscio affinché essa riesca ad aggirarsi tra gli archetipi e, inoltre, le proiezioni di cui soffrono i legami affettivi che ostacolano la realizzazione di sé e di una certa oggettività.  
C’è tuttavia una prospettiva che non ho còlto in altri testi di Jung  o di cui forse, colpevolmente, non ho serbato memoria, ovvero l’ipotesi secondo la quale sia lecito supporre che uno sviluppo della coscienza possa agire sull’inconscio così come quest’ultimo agisce sulla prima.

Categorie: Jung, Musica, Parole

Parole chiave: , , , , , , , , , ,

26
Gen

Guthrie Govan a Roma e Fates Warning a Ciampino

Pubblicato venerdì 26 gennaio 2018 alle 16:28 da Francesco

In quattro giorni ho assistito a due grandi concerti, entrambi svoltisi a sud delle mie attuali coordinate. Mercoledì sera ho visto per la terza volta uno dei più grandi chitarristi di sempre, Guthrie Govan, che in quest’occasione ha suonato con il gruppo fusion di Yiorgos Fakanas.
Ogni tanto invidio chi ha avuto modo di presenziare a qualche leggendario live degli anni settanta che a me è stato precluso per ragioni anagrafiche e per l’apparente unidirezionalità del tempo, ma non baratterei le esibizioni di Govan con nessuna capatina nel passato, neanche se nell’offerta fosse compreso il servizio di navetta con una DeLorean.
Domenica invece in quel di Ciampino ho preso parte al concerto dei Fates Warning, una band progressive metal che seguo dall’inizio di questo millennio e di cui non avevo mai visto una performance dal vivo. V’è stata poca affluenza di pubblico e infatti sono riuscito a stare sotto il palco per tutta la durata del live, ma quest’ultimo si è comunque protratto per quasi due ore e ha coperto buona parte della discografia del gruppo. Temevo che la tenuta vocale di Ray Alder potesse deludermi, ma è stata buona fino alla fine, ossia con l’esecuzione della sesta traccia di “Parallels”, album del 1991.
La foto ritrae me e Guthrie Govan nel 2016, quando lo vidi con gli Aristocrats: per questo scatto devo ringraziare S. V. e la memoria interna del suo smartphone.

Categorie: Immagini, Musica, Parole

Parole chiave: , , , , , , , ,

23
Gen

Per un’altra maratona sotto le due ore e quaranta minuti

Pubblicato martedì 23 gennaio 2018 alle 15:55 da Francesco

Mi alleno intensamente con la consueta costanza e il mio fisico reagisce bene agli sforzi a cui lo sottopongo. In sette giorni ho corso 128km e di questi 104 a un ritmo medio di 3’51” in cinque sessioni da 20,8km ciascuna. Sto provando a velocizzarmi mantenendo però un buon carico settimanale e ho intenzione di eseguire molteplici sedute di ripetute sui mille metri. Non so ancora se il modo in cui mi sto allenando possa cagionare dei miglioramenti sensibili sulle mie prestazioni, ma per scoprirlo sono costretto a fare dei tentativi perché non ho un coach che m’istruisca né altri atleti con cui possa collaborare attivamente. Leggo, studio, m’informo ed eseguo un controllo sperimentale della previsione, un po’ com’era costume per Galileo Galilei. 
Dopo un anno ricco di soddisfazioni, nel quale i miei risultati sono andati ben al di là delle mie più rosee aspettative, ho maturato una maggiore consapevolezza dei miei mezzi, però non ho alzato troppo l’asticella degli obiettivi e di fatti per i mesi venturi me ne sono posto soltanto uno, ossia quello di correre nuovamente una maratona sotto le due ore e quaranta minuti.
Non so quanto io sia vicino ai miei limiti genetici e presumo (a torto o a ragione) di avere ancora un ampio margine di miglioramento, ma per me la corsa svolge anzitutto un ruolo importante a livello esistenziale e l’aspetto agonistico ne risulta dunque una simpatica appendice.

Categorie: Correre, Immagini, Parole

Parole chiave: , , , , , , , , , , ,

19
Gen

Rimedi vinilici

Pubblicato venerdì 19 gennaio 2018 alle 22:31 da Francesco

Nel corso degli anni questo disco è diventato uno dei miei preferiti, infatti l’ho ascoltato durante dei periodi di merda in cui s’è rivelato un potente rimedio, ma ha fatto da sfondo anche a momenti di tutt’altro tenore, quando ogni cosa ha girato per il verso giusto e gli eventi hanno reclamato le dovute celebrazioni. La mia copia in vinile è una modesta stampa del 1976.
In poco più di mezz’ora è condensato un capolavoro a cavallo tra prog e hard rock che secondo me ha una portata emotiva senza pari, anche grazie alla voce di David Surkamp.
La prima volta che ascoltai Theme From Subway Sue, la sesta traccia, dissi tra me e me: “Non c’è Robert Plant che tenga!”. Non so perché me ne uscii con quel paragone tanto improprio quanto spontaneo, ma non posso negare come tra le statistiche dei miei ascolti i Pavlov’s Dog primeggino sui Led Zeppelin da almeno un paio d’anni.
Escludo che io sia affetto da melomania, però ci sono dei dischi che nei momenti giusti riescono a sortire determinati effetti su di me: è come se avessi a disposizione una farmacopea e fossi capace, entro certi limiti, d’influire sul mio umore.

Categorie: Parole

Parole chiave: , , ,

15
Gen

Tra le faglie prosaiche e intimi recessi

Pubblicato lunedì 15 gennaio 2018 alle 18:07 da Francesco

Continuo a fendere il tempo mentre attorno a me certe vite si comprimono come se si stessero avvicinando sempre di più alla superficie di Giove. Gli organi d’informazione emettono rigurgiti con cui dànno conto di accadimenti vomitevoli e i loro conati non sembrano mai contati, perciò le esagerazioni sono dazi che la realtà paga per la sua pallida rappresentazione.
Non sono trascinato dalla corrente degli eventi, bensì talora contemplo il suo scorrimento in uno scoramento per cui non v’è soccorrimento. Mi sono guadagnato un posto d’onore in una tribuna vuota per uno spettacolo che non c’è, ma non intendo cedere la mia poltrona per trasferirmi in una qualche messinscena. Rifuggo sempre di più dagli altrui latrati e le sporadiche aperture della mia persona sono fini a loro stesse, difatti non v’è nessuno a cui debba conferire i riguardi che siano propri di una degna accoglienza. L’isolamento mi giova oltremodo e mi consente di perorare i miei interessi in un ambiente controllato, senza troppi disturbi elettromagnetici, nella calma stagna di un modesto divenire. Mi chiedo dove si siano persi gli accorati appelli di un Io che fu e oggi capisco bene quale sia il grado di caducità che contraddistingue talune istanze di un individuo. L’inconsistenza di certi aneliti non appare sempre chiaramente benché di fatto ricopra le richieste a cui la volontà è chiamata a dare seguito, ma d’altro canto non v’è peggior cieco di chi non voglia vedere. In pochi secondi dei lampi di genio possono indurre gli occhi a voltarsi verso quanto invece brilli di luce propria. Accorro laddove gli squarci profondi di una realtà insondabile mi invitano a gettare lo sguardo, ma non riesco a presenziare a tutte le chiamate dell’ignoto e un po’ mi vergogno per l’assenza di una mia maggiore creanza.

Categorie: Parole
8
Gen

Non mi cerco fuori

Pubblicato lunedì 8 gennaio 2018 alle 15:15 da Francesco

Da otto giorni i venti spirano intensamente sulla terra a cui appartengo e complicano un po’ i miei allenamenti solitari, ma non mi lascio turbare da quest’ostacolo eolico. Non sento affatto la pressione del futuro e non chiedo al presente più di quanto mi dia. Ho un salubre distacco da molte dinamiche di cui non desidero il giogo, ma tale lontananza rende la mia esistenza del tutto anonima e secondaria agli occhi di chiunque possa accordarmi la sua considerazione: per fortuna di codesta circostanza m’è dato di non curarmi.
Talvolta mi chiedo cosa porti in dote la più profonda empatia, il reciproco riconoscimento di sé, la complice risonanza a cui possono partecipare due soggettività che siano in grado di stabilire un ponte tra loro, ma con il tempo ho capito quanto sia ardua e pericolosa l’indagine di simili e rare forze. Ribadisco a me stesso le ragioni di rinunce inevitabili e vedo in una spiegazione cosciente il migliore antidoto contro gli aspetti venefici dello spirito di gravità, ma devo anche mettere in conto l’eventualità di un cambiamento totale dell’assetto di cui sopra.
Non mi cristallizzo nell’ingenua illusione di intenti irreversibili perché so quanto il concorso degli eventi sia in grado di annullarne la pregressa certezza. La cautela di ieri e d’oggi, un domani potrebbe giustificatamente vestirsi come un’inedita audacia, ma secondo me per dare seguito a un cambiamento del genere la volontà non basta e soprattutto le occorre la capacità di cogliere certi segnali di cui la realtà sa essere prodiga.
Una corretta lettura dei fatti e dei loro prodromi costituisce la mia massima priorità: cerco di essere presente e non riduco tale sforzo alle sole parole con cui lo descrivo. Avverto sempre più forte in me l’esigenza di versare in uno stato di consapevolezza e devo ammettere che a tale scopo la corsa mi aiuta molto, come se fosse una sorta di meditazione in movimento. Dispongo dei rudimenti per individuarmi, ma conto di affinare le mie tecniche con i responsi insindacabili che ricavo dal processo di causa ed effetto. Le parole sono azioniste di minoranza.

Categorie: Parole

Parole chiave:

4
Gen

Di gennaio

Pubblicato giovedì 4 gennaio 2018 alle 23:46 da Francesco

Sono assiso nella mia stanza dove pareti rosse mi proteggono dalle intemperie, ma per fortuna al mio interno non ho bisogno di trovare un riparo. Ricerco con attenzione le influenze a cui espormi e non condivido nulla di profondo con nessuno, tuttavia d’un tale stato di cose non faccio né un vanto né un rammarico. Vivo un periodo della mia esistenza nel quale detengo il pieno controllo di quest’ultima, e a tal proposito le riprove sono molteplici in quanto spesso pretendo di esibirmele, però non m’illudo che d’un simile controllo io possa conservare sempre il monopolio e dunque mi attendo frangenti meno rosei: sono pronto a eventuali impatti.
Tendo ad aspettarmi il peggio dal futuro (o quanto si candidi per avvicinarvisi) e il mio, non lo nego, è un atteggiamento di comodo, ma a onor del vero non posso escludere che prospettive del tutto diverse riescano a solidificarsi in gioie tanto tangibili quanto inopinate. Non mi chiudo in me stesso in quanto non ne ho bisogno e ormai non riuscirei a farlo neppure se lo volessi, bensì mi sento come un pianeta inesplorato, vergine, quale in effetti io sono, ma al contempo in preda di anni rigogliosi e di intuizioni sempreverdi che mantengono vivibile il mio ecosistema. Non ho lune e non mi sento al centro dell’universo, ma ne faccio parte e a questa constatazione non vedo cos’altro possa aggiungere per arricchirne la banalità.
I tumulti sociali e i cambiamenti dei singoli soggetti mi passano davanti come se fossero i sottotitoli di un vecchio film: tanto per me certe rappresentazioni sono comunque mute al pari di ciò che si prefiggono di rappresentare. I miei desideri sono un po’ arrugginiti, ma può darsi che un domani io decida di prepararne qualcuno per un nuovo collaudo: vi sono meccanismi rodati su cui l’azione erosiva del tempo è lenta, talora impercettibile.

Categorie: Parole
1
Gen

Di nuovo al principio

Pubblicato lunedì 1 gennaio 2018 alle 00:50 da Francesco

Scrivo mentre il nuovo anno emette i primi e roboanti vagiti. Vicino a me non c’è nessuno, ma in lontananza odo il battesimo del fuoco. Per me gli ultimi dodici mesi sono stati come la faccia di un dio etrusco, Giano bifronte, infatti i primi sei si sono rivolti al passato e gli altri invece hanno mirato il futuro. Sotto la guida di una potente solitudine ho ampliato le mie conoscenze, ho allargato i miei orizzonti, ho conseguito soddisfazioni vivificanti e ho fatto anche qualche buco nell’acqua, ma d’altro canto gli incidenti di percorso fanno parte del percorso stesso.
Anch’io per ragioni di comodità seguo il calendario gregoriano, ma questa volta approfitto delle sue ripartizioni per affacciarmi sul futuro prossimo con uno spirito ulteriormente rinnovato. Invero non mi aspetto molto dall’avvenire e non confido in sue inaspettate prebende: forse questo mio atteggiamento è dovuto alla capacità di farmi bastare ciò che ho già e dalla furbizia di non sprecare energie verso quanto per me risulti inarrivabile. Mi sento un equilibrista e qualche volta temo di mettere il piede male perché non di rado vedo tanti che cadono da una fune identica alla mia, tuttavia tali inquietudini riescono a serpeggiare in me allorquando la stanchezza apra loro la via regia ai recessi della mia mente: evanescenti e infondate, esse poi svaniscono, come tutto del resto, anzi, come tutto il resto.
Ho in me stimoli che si rinnovano come in un processo pluricellulare, ho la mia quota di tempo da vivere e voglio modellarla nel migliore dei modi. Non vi sono alleanze atlantiche o paesane di cui mi possa avvalere, ma già da solo costituisco una legione. Scrivo per leggermi e mi leggo per pensarmi: è così che riproduco i miei giorni senza che ne derivi troppo materiale di risulta.

Categorie: Parole

Parole chiave: , ,