Drostanolone Propionate
19
Feb

Trattato dell’età

Pubblicato domenica 19 febbraio 2017 alle 18:33 da Francesco

Nei saggi di Manlio Sgalambro ho trovato più volte delle caustiche certezze, piccole opere che sono state create per via di levare e ai piedi delle quali ho notato sempre lo stesso materiale di risulta: la consolazione. Pagina sessantatré del “Trattato dell’età” si conclude così: “La specie non è niente, alcuni uomini sono tutto”. Ciò è innegabile. Io stesso sono parte di coloro che fanno soltanto volume e non lo affermo in un accesso di stucchevole modestia, ma è quanto decreta la realtà: il mio pregio tutt’al più è quello di averne contezza.
C’è un altro bel passaggio dieci pagine dopo; l’apertura di una chance in relazione al divenire che ha tutta l’onestà di una visione avulsa da qualsiasi forzatura: “Colui che ha accolto in sé il Tempo (la maiuscola è voluta), pur nello spavento, si sottrae al giochino del ricordo, al balbettio della durata morente che mescola il cammino percorso con la strada smarrita. Concetti, non ricordi sono il suo pane. Questi ultimi provengono dal calore malsano del letto e del dormiveglia. I concetti, invece, dall’esperienza adulta, dai traffici della vita, dall’invecchiamento di cose e fatti, da un’ultima occhiata al cielo”.

Categorie: Immagini, Parole

Parole chiave: , , ,

18
Feb

L’indagine interiore

Pubblicato sabato 18 febbraio 2017 alle 17:50 da Francesco

Ci sono dei giorni in cui mi sento alla deriva, del tutto perso in quest’oceano privo di senso che è la vita mortale. Non ho aspirazioni ultraterrene e non mi aspetto una promozione celeste sul campo, ma tutt’al più nei campi elisi. A volte penso a come il tempo riesca a passare in sordina per molti anni, senza destare stupore alcuno prima che, improvvisamente, scateni dei dubbi ferocissimi su come sia stato impiegato fino a quel momento.
Invero sono molte di più le giornate in cui sono in sintonia con la realtà che mi circonda e di cui faccio parte, perciò non presto troppa attenzione alle ciarle di una saltuaria stanchezza e ne rido sguaiatamente ogni volta che torno in forze. La mente è un congegno miracoloso, però è anche capace di tiri mancini ed è per questa ragione che una volontà tenace deve contenerne l’esuberanza, o almeno questo è quanto presuppongo per me stesso.
Al di là delle prassi quotidiana, comprensiva di tutte le sue bizzarrie ed efferatezze, v’è di certo una porzione della realtà che è del tutto inedita per i sensi, ma di cui è difficile scandagliare già la sola superficie: non è solo la Luna che possiede una faccia nascosta. Sempre più di sovente avverto in me la forte necessità di avvicinarmi a una dimensione che sia altra da quella che mi è dato d’esperire ogni dì, ma al contempo mi guardo bene dalle trappole dall’autosuggestione e dal facile fascino di certi esotismi. Nutro la convinzione che sia possibile produrre in sé stessi dei temporanei cambiamenti organici per fare un uso insolito delle proprie funzioni cerebrali, però senza l’ausilio di sostanze psicotrope e quindi con un protocollo privo di effetti collaterali.
Mi auguro che prima o poi da una mia esperienza inedita io possa raccogliere qualcosa di cui scrivere con cognizione di causa, ma non è escluso che tutto finisca in un nulla di fatto, come forse l’esistenza stessa.

Categorie: Parole

Parole chiave: , , ,

10
Feb

L’addio di uno sconosciuto

Pubblicato venerdì 10 febbraio 2017 alle 20:09 da Francesco

Negli ultimi giorni ho notato un certo e comprensibile clamore attorno alla lettera di un ragazzo suicida. Ho letto il testo integrale dello scritto e vi ho ravvisato un malessere che a mio modesto avviso non era ascrivibile soltanto alle questioni lavorative, ma certa stampa ne ha sintetizzato il contenuto come un semplice j’accuse alla politica. Nelle ultime parole del ragazzo friulano ho scorto una profonda lucidità e una punta di stoicismo: ciò che egli ha affermato in merito all’esistenza e alla soggettività dei limiti di sopportazione non può che trovarmi concorde, perciò gli auguro che la terra gli sia lieve.
Io stesso in passato ho preso in considerazione la possibilità di uccidermi, ma alla fine le mie riflessioni sono sfociate in una semplice meditatio mortis che ha asservito quel processo d’individuazione di cui ancora mi occupo. Non so chi fosse quel ragazzo né quante ne avesse passate, mi era del tutto sconosciuto così come certe volte lo sono anche le persone più vicine a un individuo, però mi chiedo come sarebbe andata se egli avesse resistito ancora un po’: si sarebbe ucciso ugualmente tra un anno o due? Gli eventi sono passibili di rivoluzioni copernicane in ogni momento e a qualsiasi livello, ma nessuno può pretendere da un altro che egli vi creda davvero: chi è ancora vivo come me può tutt’al più giocare col senno di poi al cospetto dell’altrui scelta di morte. Non si può salvare nessuno da se stesso: homo faber fortunae suae.
Un suicidio è una sconfitta per tutti, anche per chi s’illude di potersene fregare: in qualche modo quel gesto di libertà echeggia tra i vivi. È mia convinzione che ognuno abbia dentro di sé una forza sopita e vorrei che le persone in difficoltà potessero risvegliarla all’uopo con il concorso del fato, ma il mio auspicio è una mera utopia. Per conto mio auguro ogni bene a chi sta lottando contro i propri demoni.

Categorie: Parole

Parole chiave: , ,

30
Gen

La bandiera adorna di stelle

Pubblicato lunedì 30 gennaio 2017 alle 05:25 da Francesco

Al di là del mio microcosmo e dei suoi moti introspettivi c’è un mondo di cui, volente o nolente, faccio parte.
La mia Weltanschauung planetaria è tutta racchiusa in questo auspicio stonato e fuori tempo, ma comunque sincero.

Categorie: Video

Parole chiave: , , ,

24
Gen

Perseo con la testa di Medusa, o la mia verginità

Pubblicato martedì 24 gennaio 2017 alle 14:44 da Francesco

La premessa è una frase di un film di Ingmar Bergman, “Il silenzio”: “È assurdo prendere in giro la natura perché dopo si vendica”. Parto da qui per rinfrescare due note sulla mia verginità. Certe cose le scrivo perché mi piace farlo e non ne nego lo spirito autoreferenziale, ma ne tengo traccia anche per avere delle risposte già articolate da servire all’uopo.
Quella dell’immagine è una copia in scala di “Perseo con la testa di Medusa” che custodisco gelosamente nella mia stanza rossa. È una riproduzione che vale poche decine d’euro, però io ne apprezzo il valore simbolico, nel senso junghiano del termine, ed è per questo motivo che ogni tanto la contemplo con delle occhiate fugaci.
L’opera originale è del Cellini e nel corso degli anni mi ci sono identificato fortemente per il significato di cui l’ho ammantata, ma d’altronde il mito di Perseo si presta a forzature di questo genere.
Per me la decapitazione della Gorgone è la vittoria sulle pulsioni, quindi i serpenti della chioma di Medusa mi appaiono come delle tentazioni che tolgono più di quanto sappiano dare.
Non ricorro alla spada per vincere la creatura, ma alla mia verginità: anch’essa ha una valenza fallica e l’acquisisce nel momento stesso in cui, per paradosso, supera in virilità e libertà ogni ordine dal basso a cui altri non si sanno sottrarre.
La libido è come il fumo durante un incendio e trova sempre un modo per manifestarsi, perciò la masturbazione è un metodo per controllarla e io vi ricorro regolarmente: se vi fosse qualcosa di analogo per gli aspetti platonici di un legame allora potrei rivendicare davvero un’autarchia emotiva, ma il tutto resta più della somma delle sue parti.
Conferisco il mio carattere virgineo alla figura di Perseo anche in ragione delle sembianze efebiche con cui il Cellini (a mio parere) lo ha rappresentato, inoltre trovo che la sua sia un’espressione quasi irenica nonostante egli tenga in mano la testa di Medusa e ne calpesti il cadavere.
La vittoria non è soltanto quella sulle pietrificazioni pulsionali, ovvero l’elusione di quei rapporti che potrebbero soltanto rubarmi pezzi d’Io in cambio di qualche modesto coito, ma pure quella di un’integrazione della vita pulsionale in un ambito che la nobiliti e non me la renda nociva.
Anche se non ho mai avuto legami di alcun genere, talora ho provato a stabilirne d’eterni con le rare fusioni di beltade e temperamento verso cui ho nutrito una sincera attrazione.
Un’ulteriore vittoria per me è stata quella di non ripiegare mai né sulla pochezza della carne di passaggio né su amicizie femminili: nel mio caso non può esserci amplesso senza una piena attrazione né amicizia qualora invece l’attrazione ci sia.
Sono manicheo per necessità, ma invero la mia condizione virginea non ha connotati religiosi poiché il mio ateismo è manifesto sin dalla più tenera età. Se fossi musulmano forse non vorrei settantadue vergini nell’aldilà, ma preferirei una menade navigata: insomma, qualora dovessi convertirmi a qualcosa non sarà all’Islam, ma al culto di Dioniso.
Riprendo la citazione con cui ho esordito: “È assurdo prendere in giro la natura perché dopo si vendica”. Questo vale tanto in chi neghi del tutto la propria sessualità quanto in chi l’assecondi senza calibrarla sulla propria indole, ma rispondendo alle istanze più basse poiché incapace di mediarle a suo favore, foss’anche con un accento parossistico su una legittima licenziosità.
Per qualcuno ciò è inconcepibile, ma io capisco una simile impossibilità poiché taluni per comprendere tutto questo dovrebbero anzitutto assistere al crollo verticale dei loro mondi.
A ognuno il suo.

Categorie: Immagini, Parole

Parole chiave: , , , ,

22
Gen

Una domenica notte

Pubblicato domenica 22 gennaio 2017 alle 02:01 da Francesco

In questo periodo, all’imbrunire, ogni tanto alzo lo sguardo verso occidente e là, sul proscenio celeste, vedo Venere che non ho mai avuto modo di osservare ad altezza d’uomo.
Ci sono delle sere in cui mi sento un vagabondo del Dharma, come in un romanzo di Kerouac, e mi aggiro in dedali di fugaci riflessioni presso i quali trovo un po’ di tutto. Non mi piace lasciare le cose incompiute a meno che l’incompiutezza non faccia parte del loro completamento, perciò non tengo in sospeso la spada di Damocle né i discorsi che svolgo tra me e me.
Mi chiedo se io riesca davvero a inviare dei segnali con il solo ausilio della mente, in maniera del tutto inconsapevole, ma non confido che ci sia vita al di fuori della mia soggettività.
Vivo in un’epoca che richiede il celere innalzamento di muri invalicabili, ciò vogliono gli archetipi ciclici che parlano per mezzo dell’inconscio collettivo, quindi io non posso certo pretendere di stabilire dei ponti radio o anche soltanto una passerella sul fiume di Eràclito: chi può viaggia su certe lunghezze d’onda, chi non può si gode le proprie interferenze.
Sul mio orizzonte vuoto riesco ancora a scoprire dei momenti di forte commozione che in realtà non hanno nulla d’emotivo, ma queste occasionali scariche di vita si originano allorquando io sia più (con)centrato su me stesso: esse non dipendono da me e le reputo prodromiche dello stato anzidetto. Ecco perché fatico quando mi apro a qualcuno: in casi del genere scombino un difficile assetto il cui ripristino, a seguito di un eventuale fallimento (pressoché matematico), richiede un certo investimento di tempo e di energie; forse l’assetto in questione si evolve proprio in virtù del suo continuo perire e ricostituirsi. Se un giorno dovessi trovare la quadratura del cerchio tra me e un triangolo festeggerò con una Sprite in lattina, ma per adesso non mi pongo neanche il problema in quanto è esso che non mi si para davanti.

Categorie: Parole
18
Gen

Brevi sdoppiamenti notturni

Pubblicato mercoledì 18 gennaio 2017 alle 00:11 da Francesco

Le folate di vento degli ultimi giorni non hanno spazzato via certi pensieri che albergano in me e di cui, in fine dei conti, non subisco poi tanto l’invadenza. Non so se la notte porti consiglio, ma sospetto che essa contrabbandi paure e tristezze. Il mio è un sentiero solitario, però ogni tanto mi volto indietro perché so che c’è sempre qualcuno e non mi sorprenderei se un giorno dovessi trovarmelo di fronte, laddove forse già mi aspetta.
Il tempo passa che è un piacere, affermerei se volessi tentare un po’ d’ironia, ma onestamente non posso sostenere che per me trascorra troppo male. Sono il mio solo riferimento e qualche notte non basto a me stesso, perciò esco e mi accompagno alla mia ombra, quella che in casa è l’ombra di stessa: a volte non è soltanto una questione di luce…
Talora, in maniera del tutto ingiustificata, conferisco al futuro delle valenze angosciose che non merita, tuttavia queste indebite proiezioni sono sempre il sintomo di un malessere passeggero e non attecchiscono mai per lungo tempo. Ogni tanto la stanchezza parla o scrive a nome mio e in alcune occasioni neanche la smentisco, ma lascio quest’onere agli eventi.
Mi fa bene scrivere, perché è come se mi sdoppiassi e trovassi in una mia copia quello che mi manca. Quando scrivo mi sembra di parlare con qualcuno che sia in grado di capirmi così come io capisco lui, ma se la cosa non mi riguardasse direttamente e la dovessi giudicare da fuori allora direi: “E grazie al cazzo che ti sembra così”. Non scado in fenomeni di dissociazione, bensì uso i miei moti introspettivi per crearmi un mondo di relazioni che mi manca in toto: questo è anche un modo per tenere vivo il contatto con la realtà e in allenamento la capacità comunicativa.
Non importa che io scriva qualcosa di particolare, bensì mi basta dare un po’ di senso a quelle frasi sconnesse di cui i pensieri sanno ribollire durante l’attesa di un autobus, la coda a uno sportello, l’assente presenza a un evento mondano e così via. Via, via per sempre.

Categorie: Parole

Parole chiave: , ,

14
Gen

L’essere e il nulla di Jean-Paul Sartre

Pubblicato sabato 14 gennaio 2017 alle 22:21 da Francesco

Più o meno ho impiegato un mese e mezzo per districarmi tra le settecento pagine de L’essere e il nulla di Sartre. Ammetto che quest’ultima lettura mi è stata facilitata da quella precedente di Essere e tempo di Heidegger, difatti tra le due vi sono molteplici punti di contatto.
A mio avviso il passo in più di Sartre vale l’investimento di tempo che ne richiede la sua analisi, ma per me questo non si traduce in un’acritica accoglienza delle sue dissertazioni. Apprezzo la ripartizione dell’essere in per-sé e in-sé nella misura in cui questa definisce la coscienza quale potenza “nullificatrice” in relazione alle cose del mondo: alle seconde viene sottratta la loro essenza per dare modo alla prima di rivestirle con i propri significati.
Da queste premesse, apparentemente facili e immediate, scaturisce un ginepraio ontologico che nonostante tutto ho trovato meno ostico di quello proposto in Essere e tempo, ma in parte ascrivo una tale differenza alla sbrigatività con cui Sartre esaurisce certi argomenti: egli non mi convince nella confutazione della morte come la possibilità più propria (con riferimento a Heidegger). A non soddisfarmi v’è poi la questione della nascita (a pagina 631) in quanto Sartre nega che valga un’espressione come “io non ho domandato di nascere” e la deride con una spiegazione di poche righe che a suo dire rimanda alla "fatticità": senza vedervi contraddizione ho comunque cercato di trovare (infruttuosamente) un nesso tra quest’idea e l’accento che egli pone su come l’essere sia sì libero, ma non libero di essere tale. Può darsi che abbia perso qualche pezzo per strada e non escludo che mi manchi un’adeguata elasticità mentale, ma per me le suddette questioni restano delle zone d’ombra e sanno d’incompiuto, quantomeno nelle pagine de L’essere e il nulla.
Onestamente non ho un retroterra culturale che mi consenta d’immergermi nell’ontologia, non ne sono all’altezza e lo riconosco, però ne ho lambito i confini affinché potessi farmi un’idea della tensione intellettuale che ha indotto certuni a occuparsene.

Categorie: Immagini, Parole

Parole chiave: , , , , ,

10
Gen

L’arte d’invecchiare

Pubblicato martedì 10 gennaio 2017 alle 05:56 da Francesco

Per me è ancora presto per affrontare l’idea d’invecchiare, difatti benché non sia giovanissimo sono ancora giovane, specie in un paese come l’Italia dove, malgrado tutto, l’aspettativa di vita è piuttosto lunga. Qualche volta capita che il mio sguardo noti in lontananza una figura solitaria, fragile, canuta e talora mi sembra che quella visione sia un annuncio del mio futuro.
Ci sono buone probabilità che io passi da solo la mia terza età, proprio come ho trascorso e sto trascorrendo da solo i miei anni migliori, perciò voglio invecchiare bene: anelo a che il mio vivere danzi con il tempo in un armonioso ballo di fine estate. So che posso farcela e mi serve soltanto un altro po’ di tempo per convincermene del tutto. Ovviamente tali parole dànno per scontato che io non muoia prematuramente, ma la realtà quotidiana e qualsiasi tipo di passato ricordano come un simile assunto possa rivelarsi un azzardo. Non demonizzo la società occidentale e vi vedo molto di buono, ma non nego che possa essere più facile affrontare già la sola idea della vecchiaia con un altro retroterra culturale. Nei confini del possibile ed entro i savi paletti della spontaneità, io cerco di trarre dallo scibile umano quanto può facilitarmi l’esistenza nei termini di una sua opportuna interpretazione. Talora non sono le cose in sé a cagionare un peso erculeo ed è invece la loro percezione che può gravare oltremodo l’individuo, perciò tento di non farmi ingannare da questo trucco di cui la mente si rivela al contempo tanto artefice quanto vittima.
Ho visto con i miei occhi e ho percepito con il mio essere, per così dire, persone di una certa età che in ogni movimento, in ogni parola, persino nelle sporadiche distrazioni, dimostravano quella che in certi contesti si chiama “presenza”. Forse per taluni un invecchiamento esemplare è un percorso naturale, mentre altri devono correggersi in corso d’opera per armonizzarsi col reale e, ammesso che tale semplificazione abbia fondamento, non so ancora dire a quale dei due filoni io appartenga: mi auguro soltanto che l’esito sia lo stesso.

Categorie: Parole

Parole chiave: , ,

7
Gen

La mia top ten per il 2016

Pubblicato sabato 7 gennaio 2017 alle 05:51 da Francesco

Nell’anno che è volto al termine ho riempito molti silenzi con della buona musica.
Di seguito riporto la mia volubile top ten.

1) James Senese – ‘O Sanghe – 2016

Ho ascoltato molto questo album di cui possiedo il vinile. Un groove continuo, avvolgente e coinvolgente, con stupendi testi in dialetto. Adoro smodatamente i Napoli Centrale, ma anche la carriera solista di Senese che per questo suo disco si è ritrovato con Franco Del Prete.
"Ch’ Jurnata" è il mio pezzo preferito, anzi, un vero e proprio manifesto.

2) Anderson / Stolt – Invention Of Knowledge – 2016

Due icone del progressive rock internazionale. Certe volte le vie di mezzo sembrano dei mesti compromessi, ma in questo caso ci si trova a metà strada tra gli Yes e The Flower Kings. Disco stupendo, onirico, etereo.  L’intro di "Chase And Harmony" è una delle cose più belle che abbia mai sentito e raggiunge il suo climax quando entra la voce di Anderson: quanta magnificenza.

3) Fates Warning – Theories Of Flight – 2016

Sono un ascoltatore dei Fates Warning dalla tarda adolescenza e ho apprezzato moltissimo il loro ultimo sforzo, una vera certezza nel panorama del progressive metal. La voce di Ray Alder e la chitarra di Jim Matheos mostrano ancora le loro peculiarità. Qui "Seven Stars" è la mia traccia prediletta.

4) Sam Dees – The Show Must Go On – 1975

Ho scoperto per caso questo disco e me ne sono innamorato perdutamente: si tratta di un album di soul, in senso letterale. È piuttosto difficile che un platter del genere riesca a catturarmi e a coinvolgermi emotivamente, ma in questo caso Sam Dees ci riesce già con la sola "Come Back Strong".

5) Bronson – Roma Tiger Punk – 2015

Apprezzo i Bronson dal loro primo album benché il loro genere non sia certo quello che prediligo. Privi di particolari virtuosismi, riescono comunque a creare un bel muro di suono su cui veicolano dei testi d’impegno sociale che riesco ad apprezzare senza imbarazzi. Pezzo preferito: "La Strada".

6) Metamorfosi – Purgatorio – 2016

Dopo quarantatré anni dal celebre "Inferno" i Metamorfosi sono riusciti a concludere la trilogia dantesca. Ebbi modo di ascoltare parte di questo disco prima della sua uscita: ciò avvenne in occasione di un raro concerto del gruppo in quel di Roma. Trovo che “Superbi” sia l’episodio più evocativo dell’album.

7) Fantan Mojah – Soul Rasta – 2016

Non sono un grande fruitore di reggae, ma lo apprezzo nella sua veste roots e il disco di Fantan Mojah mi ha trasmesso molta positività nel corso dell’anno, anzi, in alcuni casi è stato proprio un sostegno. "Rasta Got Soul" è il pezzo che mi prende di più.

8) Spettri – 2973 La Nemica Dei Ricordi – 2015

Un’altra bella freccia nel mai pago arco del progressive italiano. È un album magistrale che si lascia ascoltare senza soluzione di continuità dall’inizio alla fine. È un peccato che simili lavori non godano di una maggiore visibilità.

9) Pagan’s Mind – Enigmatic Calling – 2005

L’ennesimo disco che scopro con colpevole ritardo. "Enigmatic Calling" è un grandioso e riuscitissimo sforzo nel non facile campo del progressive metal. Stupendo.

10) Dark Funeral – Where Shadows Forever Reign – 2016

Malgrado il cambio di formazione i Dark Funeral si confermano una certezza granitica nel black metal e questo album ne è l’inconfutabile, oscura ed estrema prova.

Categorie: Musica, Parole

Parole chiave: , , , , , , , , ,